Il Papilloma virus nell’uomo: un pericolo da non sottovalutare

Pensate che il Papilloma sia un problema solo femminile? Vi sbagliate. Il virus dell’Hpv colpisce tutti, indistintamente, causando anche gravi disagi negli uomini. Ma entriamo nel vivo: perché temere il Papilloma virus?

 

Che cos’è il Papilloma virus

L’infezione da Papilloma Virus è una malattia sessualmente trasmissibile, che può colpire sia le donne che gli uomini. Per quanto riguarda gli uomini, si calcola che circa il 20% della popolazione maschile risulti positiva al test, con la possibilità quindi di trasmissione durante i rapporti sessuali non protetti.

In Italia, la situazione è tutt’altro che rosea e pare che di usare il preservativo non si abbia poi così voglia. I risultati? Si contano circa 250.000 nuovi casi l’anno di condilomatosi genitaleil condiloma è una manifestazione dermatologica che colpisce gli organi genitali. I condilomi possono essere: acuminati (comuni in caso di HPV), acuminati giganti, di tipo latum. , ovvero la rappresentazione macroscopica del virus, con la formazione del condiloma, una sorta di verruca con aspetti tipici.

Nel caso ci sia un sospetto di contagio, è bene che l’uomo parli (e non neghi l’evidenza), sottoponendosi a controlli specifici, che possono andare dalla penoscopiaè un esame che consiste nella osservazione dei genitali maschili con l'apparecchiatura colposcopica, in modo che appaiano notevolmente ingranditi.con test all’acido acetico, sino alla ricerca del virus con le sonde al DNA, e alle analisi delle urine, se esiste un sospetto di infezione delle vie urinarie. Spesso, la localizzazione è anche a livello dell’ano e del canale anale.

 

Quali sono i rischi a cui espone il Papilloma virus?

Sappiamo tutti che alcuni genotipi del virus sono pericolosi per la donna e rappresentano uno dei principali fattori di rischio per il tumore al collo dell’utero. Ma non solo: anche il 40% dei tumori dell’orofaringe vede la responsabilità della infezione da Hpv.

Ma i rischi coinvolgono anche gli uomini: circa la metà dei tumori al pene (frequenza 1/100.000) vede la presenza contemporanea di una infezione da Hpv: questo giustifica la scelta dell’American Cancer Society di proporre la vaccinazione nella popolazione maschile, come anche giustifica la minor presenza di tumore nei circoncisi, che hanno meno possibilità di contrarre il virus.

Dobbiamo chiarire che la presenza dell’infezione è solo un fattore di rischio e non è in grado da sola, nell’uomo immunocompetente, di scatenare la patologia neoplastica.

Per quanto riguarda il canale anale, va purtroppo ricordato che la percentuale di contagi in questi casi aumenta. I ceppi virali più pericolosi sono il 16 e il 18, per cui è utile fare sempre una tipizzazione.

 

Come limitare la diffusione del Papilloma virus?

Semplice, come sempre è bene prevenire e proteggersi durante i rapporti. Ciò che è importante è rispettare la sessualità e la salute propria e altrui, per evitare che il virus possa essere trasmesso ai partner. In primis, no ai contatti sessuali occasionali non protetti, anche semplicemente orali, che possono esporre al rischio di contrarre un’infezione seria.

Nel caso ci sia un sospetto di Papilloma, correte a consultare l’andrologo o il dermatologo (o perché no, il vostro medico curante), che vi sottoporrà a tutti gli accertamenti più opportuni.

Author: Solotusaiche.it

Molti uomini soffrono di incontinenza urinaria, spesso legata a problemi alla prostata o ad altre patologie, tuttavia se ne parla di rado. solotusaiche.it ha riunito informazioni e consigli utili su come affrontare la vita quotidiana, grazie alla lunga esperienza sulla protezione per uomini con problemi di varia natura alla vescica. Non lasciare che le perdite urinarie cambino il tuo stile di vita.

Condividi articolo