L’incontinenza urinaria è una conseguenza inevitabile dell’intervento alla prostata?

Salve, ho 48 anni e mi sono sottoposto tre mesi fa a un intervento alla prostata. Ad oggi non ho notato dei cambiamenti per quanto riguarda la frequenza di minzione e vorrei sapere se, nei prossimi mesi, potrei comunque notare dei cambiamenti. Inoltre, vorrei capire se l’incontinenza urinaria si presenta in ogni caso dopo l’operazione alla prostata.

 

Salve,

per una valutazione definitiva occorrono almeno tre mesi, quindi direi che con i tempi ci siamo. Le consiglio quindi di rivedersi con l’urologo curante per eseguire una uroflussometria e una valutazione del residuo post minzionale. L’incontinenza non deve far parte delle conseguenze post operatorie. Può comparire inizialmente nelle vesciche molto ostruite e ipercontrattili.

Author: Dr. Andrea Militello

Il Dott. Andrea Militello è medico chirurgo specialista in Urologia e Andrologia. È Responsabile del Servizio di Emodialisi e Responsabile Urologo Andrologo presso la Casa di Cura Nepi. È responsabile del modulo di Urologia ed Andrologia della Casa di cura Santa Teresa a Viterbo e responsabile servizio di Urodinamica e Riabilitazione del pavimento pelvico presso Casa di cura Villa Immacolata a Viterbo. Lavora inoltre presso la Casa di Cura Villa Tiberia, l'ARS Medica, e la Casa di Cura Villa Flaminia e nei suoi studi privati a Roma e Viterbo.

Condividi articolo

Scrivi la tua domanda