Anatomia e funzionamento della vescica nell’uomo

La vescica è una sacca muscolare cava, situata appena sopra e dietro l’osso pubico. Quando è vuota ha circa le dimensioni e la forma di una pera.

È l’organo deputato alla raccolta dell’urina, che viene prodotta nei reni e viaggia fino alla vescica lungo due “tubi”, chiamati ureteri.

Una volta nella vescica, l’urina viene espulsa attraverso l’uretra. La vescica, in condizioni normali, funziona grazie a un complesso coordinamento muscolo-scheletrico e neurologico, che permette il riempimento e lo svuotamento del contenuto della vescica.

Funziona, quindi, come un serbatoio temporaneo, e se non sono presenti patologie particolari la minzione è a controllo volontario.

Contemporaneamente, la vescica ha il compito di espellere l’urina durante la minzione.

Vediamo come queste due complesse funzioni sono possibili in un unico organo.

La fase di riempimento della vescica

Per la sua particolare morfologia, la vescica ha la capacità di distendersi e aumentare di volume senza che la pressione al suo interno sia troppo alta.

Al contempo, esiste un meccanismo anti-reflusso che non consente all’urina di tornare indietro ai reni, costituito dalla chiusura degli orifizi ureterali e dell’uretere intravescicale.

La fase della minzione

Grazie al muscolo detrusore che si contrae e agli sfinteri che si rilasciano, la vescica riesce a svuotarsi espellendo l’urina.

Questo meccanismo complesso che porta, infine, alla minzione, presuppone l’integrità della vescica e di tutte le strutture coinvolte.

Esistono, infatti, diverse patologie, per lo più legate all’invecchiamento, che predispongono l’uomo all’incontinenza.

È bene giocare d’anticipo adottando uno stile di vita sano che escluda tutti gli altri fattori di rischio che causano l’incontinenza urinaria maschile, associando esercizi volti all’addestramento della vescica e al mantenimento del tono muscolare.

Lascia un commento