Che cos’è la prostata: funzionalità e anatomia

La prostata è una ghiandola maschile fibromuscolare dell’apparato genitale. Collocata in posizione anteriore rispetto al retto e all’ano (4-5 cm), svolge un importantissimo ruolo: produrre il liquido seminale dello sperma, mezzo indispensabile per la vita degli spermatozoi dopo l’eiaculazione.

Anatomia della prostata

L’anatomia della ghiandola prostatica può presentare lievi differenze da soggetto a soggetto. Solitamente, la forma della prostata è simile a quella di una piramide che, in caso di un aumento del volume, può assumere contorni più rotondeggianti.

Dall’alto al basso, la ghiandola è attraversata per una prima parte dell’uretra, mentre nella parte postero-superiore si trovano i condotti eiaculatori. Colore e consistenza della prostata in un soggetto adulto sono sempre gli stessi: colorito grigio violaceo, durezza ed elasticità percepite al tatto. Durante l’infanzia, prima della pubertà, la ghiandola si mantiene molto piccola per poi svilupparsi rapidamente negli anni dell’adolescenza, sino a raggiungere la dimensione media di 3 cm di altezza, 4 cm di larghezza e 2,5 cm di spessore, con un peso di circa 20 grammi. Nella vecchiaia, spesso accade che si riscontri un aumento di volume prostatico con più o meno gravi difficoltà di minzione causate dalla compressione della parte prostatica dell’uretra.

Da un esame visivo della prostata, è possibile distinguere più sezioni della ghiandola, ovvero:

• Sezione superiore: caratterizzata da una forma triangolare ad angoli arrotondati, compresa fra l’uretra e l’ilo.

• Sezione anteriore: sviluppata quasi verticalmente in maniera convessa.

• Sezione posteriore: obliqua e attraversata nel mezzo da un appena visibile solco longitudinale che disegna i lobi laterali,destro e sinistro.

• Sezioni laterali arrotondate.

• Apice.

Tutte queste parti sono contenute in un involucro fibroso, detta loggia prostatica. Vasi e nervi attraversano la ghiandola; le vene si distribuiscono attraverso un plesso venoso anteriore (plesso del Santorini) e altre vene postero-laterali. Il plesso del Santorini è collocato nella fascia endopelvica e contiene i vasi principali dentro i quali drena il sangue della prostata. I nervi derivano dal plesso ipogastrico. Molto numerose sono le terminazioni sensitive.

Funzionalità della prostata

La funzione della prostata è quella di produrre parte del contributo secretorio durante l’eiaculazione. Il secreto derivante dalla ghiandola è di circa 0,6-1,6 ml, con un pH acido di circa 6.5. Questo secreto è importantissimo per la coagulazione-liquefazione del liquido seminale e per il movimento degli spermatozoi.

Tra i componenti del liquido prostatico, troviamo l’acido citrico e lo zinco; il primo agisce sulla fluidificazione dello sperma eiaculato, il secondo funge da antibatterico.

Esistono, poi, tre proteine prodotte dalla prostata:

• l’antigene specifico della prostata PSA;

• la fosfatasi acida prostatica (PAP);

• la proteina-94 specifica della prostata (PSP 94).

Lo PSA agisce sulla liquefazione del liquido prostatico, contribuendo a lubrificare la superficie uretrale per una migliore fuoriuscita dello sperma.

La funzione di continenza della prostata

Una prostata sana garantisce una buona continenza urinaria. Ciò dipende dall’efficienza nella chiusura di due sfinteri che circondano la prostata, noti come:

• Sfintere uretrale interno

• Sfintere uretrale esterno

Questi sono uniti alla ghiandola prostatica attraverso un fascio di fibre di collagene. In alcuni casi, interventi chirurgici alla prostata possono rendere lo sfintere non in grado di svolgere la funzione di tenuta dell’urina.

Le patologie più frequenti della prostata

Tra le patologiche che colpiscono la prostata con maggiore frequenza, troviamo:

• Ipertrofia prostatica benigna: aumento di volume della ghiandola prostatica.

• Infiammazione della prostata: nota come prostatite, è una infiammazione della ghiandola prostatica causata da molteplici fattori.

• Tumore della prostata: neoplasia originata dalle cellule epiteliali della prostata.

Lascia un commento