Si possono aumentare le dimensioni del pene?

Sfatiamo questo tabù dicendo che sì, è possibile aumentare le dimensioni del proprio pene sia in presenza di problemi patologici, sia per motivi estetici.

Per molti uomini le dimensioni del pene contano e non sono rari i casi in cui sorgono disagi psicologici (dismorfofobia peniena) dovuti proprio alla grandezza dell’organo genitale maschile. Nelle persone che ritengono di avere un pene piccolo tendono ad insorgere uno o più dei seguenti sintomi: depressione, ansia, bassa autostima e difficoltà a interagire socialmente con gli altri.

Esiste poi il micropene organico, conosciuto clinicamente come ipoplasia peniena. In questo caso le dimensioni sono oggettivamente inferiori rispetto alla media, infatti viene riconosciuto il micropene organico quando le dimensioni sono di 2,5 volte inferiori rispetto alla media ed è necessario intervenire per curare problemi patologici.

Dimensioni medie del pene

In linea generale non esistono delle dimensioni standard del pene, perché molto dipende dalla morfologia umana (in alcuni studi è stata osservata un’elevata correlazione tra le dimensioni del pene e l’altezza e il peso della persona), tuttavia si parla di normalità quando il pene presenta le seguenti dimensioni medie:

  • lunghezza a riposo: 9-10 cm
  • circonferenza a riposo: 8-9 cm
  • lunghezza in erezione: 12-15 cm
  • circonferenza in erezione: 10-12 cm

I pazienti affetti da micropene, sono soggetti la cui lunghezza del pene in erezione non supera i 7,5 cm.

Per diagnosticare il micropene si procede con la misurazione del pene a riposo e in alcuni casi anche con un’ecografia con ecocolordoppler basale e dinamico dei corpi cavernosi.

Problemi psicologici da pene piccolo

Nonostante vi sia poco più del 2% della popolazione maschile che soffre clinicamente di pene piccolo, una più grande percentuale di persone soffre della sindrome da spogliatoio. Ovvero molti uomini ritengono che il proprio pene sia di dimensioni ridotte rispetto alla media.

Purtroppo la sindrome da spogliatoio comporta diversi problemi, come vivere male la propria sessualità, ingiustificata ansia nel confrontarsi con i propri coetanei e rifiuto del contatto con persone dell’altro sesso per un ipotetico senso di inadeguatezza.

Questi problemi possono essere risolti con la psicosessuologia che ha l’obiettivo di migliorare la percezione del proprio corpo e di ridonare l’autostima al paziente.

Come aumentare le dimensioni del pene?

Molti uomini hanno provato ad aumentare le dimensioni del proprio pene utilizzando diversi prodotti: pillole, creme, cerotti, estensori. Su SaluteIntima.com puoi leggere la testimonianza diretta di chi li ha provati e valutato la loro efficacia.

In realtà per aumentare le dimensioni del pene in maniera sicura, bisogno intervenire chirurgicamente.

Uno degli interventi più conosciuti è la sezione chirurgica del legamento sospensore. Questo legamento ha il compito di mantenere il pene in erezione rivolto all’insù per facilitare la penetrazione.

Intervenendo chirurgicamente si determina uno scivolamento del pene in avanti, con conseguente allungamento sia a riposo sia in erezione. Solitamente l’intervento viene eseguito in day-surgey (chirurgia in un giorno) e non richiede giorni di ricovero.

Un’altra tecnica che invece ha l’obiettivo di aumentare il diametro del pene è quella che riguarda l’infiltrazione di acido ialuronico. In questo caso l’intervento è veloce e poco invasivo e assicura una distribuzione omogenea.

Ovviamente prima di intraprendere la strada per un intervento chirurgico è bene sottoporsi a una visita andrologica e farsi visitare da un medico competente, che in base alle necessità del paziente, saprà indicare la soluzione più sensata.

Lascia un commento