Stipsi: cause e rimedi contro la stitichezza

La stipsi è definita come la difficoltà, oggettivamente comprovata o soggettivamente percepita, nello svuotare l’intestino.

Questa difficoltà di definizione trova la sua origine nel fatto che i ritmi intestinali sono estremamente soggettivi, variano cioè da persona a persona.

Costipazione: cause e rimedi

La costipazione è un sintomo e non una malattia. È importante imparare a conoscere il proprio organismo e i propri ritmi per poter valutare da subito alcuni segnali, come il gonfiore e la pesantezza addominale, la scarsità del transito intestinale e la riduzione del numero delle evacuazioni.

Sebbene sia un disturbo molto fastidioso, la stipsi è generalmente il risultato di uno stile di vita poco corretto. Per questo è sufficiente modificare alcune abitudini per potervi porre rimedio.

Come combattere la stitichezza?

Una dieta bilanciata, ricca di fibre e di verdure, può fare la differenza se si soffre di stitichezza. Infatti, il transito intestinale ritorna generalmente nella norma, se si assumono circa 30 grammi di fibre al giorno, che determinano la regolare peristalsi dell’intestino. Con un apporto inadeguato di fibre si ha invece una diminuzione della massa fecale, con svuotamenti più irregolari e di minore entità.

Anche l’attività fisica ha effetti benefici. Un allenamento quotidiano che possa rafforzare i muscoli della fascia addominale permette di avere un maggiore controllo dell’area e combatte l’atonia delle pareti intestinali.

Dopo lo sport è d’aiuto massaggiare il basso-ventre con l’ausilio di un olio per aiutare la peristalsi.

L’ultima regola d’oro per evitare la costipazione è bere molta acqua, meglio se tiepida e a digiuno. Al mattino è un vero e proprio toccasana!

Se gli episodi di stipsi sono improvvisi e gravi, e prima di ricorrere a medicinali di automedicazione, è bene contattare il medico. La stipsi potrebbe essere causata da patologie intestinali o a carico del sistema nervoso, ed è quindi sempre consigliabile indagare a fondo le cause.

Lascia un commento